Ramesse II e la dea Sekhmet. Buto Egitto 192929c3b69feb30b5b3778491b4f847

"Ramesse II" e la "dea Sekhmet", scultura in granito presso scavi archeologici a Buto (Tell el-Farain, tumulo dei faraoni), vicino alla città di Desouk, a est di Alessandria nel delta del Nilo in Egitto.

Articolo in aggiorrnamento

Il luogo dei ritrovamenti della doppia statua fu identificato per la prima volta come antica Buto da Flinders Petrie nel 1888.

Non è stato reso noto l'esatto posto in cui fu trovata la doppia statua.

A Buto esistono notevoli rovine risalenti all'Egitto predinastico e al periodo tardo egizio. Alcuni ritengono Buto un importante centro religioso. Erodoto ci racconta che la città era famosa per i suoi oracoli.

I due personaggi (in foto) detengono la chiave ANKH o "Il gancio dell'incarnazione" secondo i testi della Gupta Vidya (Conoscenza Copta) - LB.

Gli abiti dei gemelli sembrano quelli classici già visti in immagini dell'Antico Regno nei palazzi attribuiti alla Quinta Dinastia ("dal 2620 a.C. al 2500 a.C."). Gli stessi stili sono stati imitati e di poco variati in tutte le successive dinastie reali (scientifiche) egizie.

"Sekhmet" (SEKH-MAT: Primo Docente) (2), somma archivista. Astronomicamente associata alla costellazione zodiacale di Leo e alla stella Mu Leo presente nello stesso gruppo siderale. Si può inoltre far risalire l'origine e attività della dea già in epoche remote e pertinenti alla Terza Razza Radice lemuride (apparsa sul continente MU). Quando i corpi dei nati avevano ancora l'aspetto ferino. Secondo gli stessi testi in Secret Doctrine, Volume I, Anthropogenesis, HPB.E secondo le nostre osservazioni sui reperti archeologici consistenti in statuette d'argilla ritrovate intatte suggerenti una loro conservazione originaria in contenitori ben protetti. 


plkl9SiWXp9U0gJXr1oqyjl72eJkfbmt4t8yenImKBVvK0kTmF0xjctABnaLJIm9

Dea preistorica dalla testa di uccello, Egitto predinastico (in foto)

Figura femminile - Luogo dell'escavazione: Nag' el Ma'marîya (il luogo delle Sirene- LB). Materiale: argilla, pigmento. Datazione: 3500-3400 a.E.V. Periodo: predinastico, periodo Naqada IIa. Dimensioni: 29.2 x 14 x 5.7 cm. Sede dell'esibizione: Brooklyn Museum. 

 

 

220px Ramses IIRamses II (RM-SS) (3). Un discendente discepolo di Rama, mitico re dei giganti (1) tra l'altro, scienziato, archivista, docente in servizio presso l'accettazione e istruzione delle anime giunte in incarnazione, poiché tiene l'ANKH. In attività dalla fine della Quarta Razza Radice atlantica- inizio della Quinta Razza Radice ariana. Forse è associato alla Costellazione zodiacale di Taurus, e probabilmente alla sua stella Zeta Tauri. Il suo caschetto indossato sembra costituito da una sorta di parrucca in fibre naturali sormontata dall'Ureus metallico. Il casco potrebbe essere un accumulatore del nutriente presente nellì'etere cosmico. La particella eterica mutriente è l'"Acqua lustrale" dei mistici medievalisti, l'"Oxiplasma" degli occultisti, (...), è il medium tra i piani dell'Etere cosmico (Riferimenti in: A Treatise on the Seven Rays, A,B.) ed è il "collante magnetico" studiato da Guglielmo Marconi. La stessa particella fu fotografata e accumulata nel XX secolo dallo scienziato Wilhelm Reich (1897-1957) - LB.

(...). 

I dischi collocati sopra le teste dei soggetti immortalati nella doppia statua rinvenuta a Buto, potrebbero essere i portali di canali connettivi usati per il passaggio e l'arrivo dei raggi delle anime sul nostro geode - LB.. Come riportato dalla Vidya.in A Treatise on the Seven Rays, A.B.).  

buto 1

In foto: Buto, Egitto 

Nota

1 -  H. P. Blavatsky: "ISIS UNVEILED", New York, J. W. Bouton - 1877: 
Sotto il regno di Viswamitra, il primo re della Dinastia di Soma-Vanga in seguito ad una battaglia durata cinque giorni, Manu Vina, erede dei re antichi, abbandonato dai brahmani, emigrato con tutti i suoi compagni, passando attraverso Arya, e le regioni di Barria, finché raggiunse le rive di Masra (Storia dell'India, di Colluoca-Batta). Indiscutibilmente quel Manu-Vina e Menes, il primo re egiziano, sono identici. Arya, è Eran (Persia); Barria, è Arabia, e Masra, era il nome del Cairo, che adesso è chiamato, Masr, Musr, e Misro. La storia fenicia nomina Maser come uno degli Hermes ancestrali. ...

(...).

2 - Dee e divinità feline

https://cieliparalleli.com/scienza-e-tecnologia/dee-e-divinita-feline.html

3 -

Il Colosso di Ramses II

Flickr Gaspa Tempio di Karnak cartiglio di Ramesse II

Il colosso di Ramesse II in El Cairo a Giza e il suo cartiglio nel Tempio di Karnak a Luxor.

Commenti   

0 #2 Lorella Binaghi 2021-01-03 15:16
@Gabriele. Anche per me il nome rei-ki significa REINCARNAZIONE. La sua è stata un'intuizione brillante. :-)
Citazione
0 #1 gabriele 2021-01-02 17:22
vorrei esprimere un pensiero.Tutti gli esseri viventi vivono la reincarnazione.rei-ki, LE DICE qualcosa gentilissima e molto signorile LORELLA?
Citazione

Aggiungi commento