Indice articoli

11 11 03 21501Dominio: Eukaryota. Regno: Plantae. Divisione: Magnoliophyta. Classe: Magnoliopsida. Ordine: Solanales. Famiglia: Solanaceae. Genere: Mandragora. Specie: Mandragora autumnalis,
Mandragora officinarum, Mandragora turcomanica, Mandragora caulescens.

Foto: Mandragora autumnalis 

http://www.mouzuika.com/mo1111a.html

 mandragora-autumnalis2590

Mandragora autumnalis

http://luirig.altervista.org/pics/index5.php?recn=166998&page=1

 

1354 DSC00006

Frutti di Mandragora

http://www.turkmenistaninfo.ru/?page_id=6&type=article&elem_id=page_6/magazine_178/1489&lang_id=en

 

Mandragora officinarum, è una pianta chiamata dagli arabi Luffâh, o Beid el-jinn che significa "uova di djinn"(Giani/e). Mandragora è il nome comune per i membri del genoma Mandragora in piante appartenenti alla famiglia delle Solanaceae.

La mandraca contiene alcaloidi tropanici, allucinogeni, deliranti come l'atropina, la scopolamina, l'apoatropina e l'iosciamina. Le radici a volte biforcano, assomigliando a figure umane. Le loro radici sono da tempo utilizzate in culti introspettivi e ancor oggi sono apprezzate da membri di moderne religioni sincretiche. (...).

Mandragora-autumnalis-b

 

Mandragora autumnalis

http://www.floraitaliae.actaplantarum.org/viewtopic.php?t=7591

 

Mandragora4

 

 

Mandragora Officinarum - Mandrake

http://hermionesgarden.blogspot.it/2011/02/mandragora.html

 

800px-Mandragora officinarum 004

http://keywordsuggest.org/gallery/774994.html

(...).

Ricerche, note e traduzioni in italiano alla cura di Lorella Binaghi

 

Gli aspetti insoliti di Mandrake (Mandragola)


Mandrake è un'erba eretta perenne che risulta dall'Europa centrale e meridionale, in particolare nel bacino del Mediterraneo, con un grande marrone fittone rispetto al resto del corpo vegetale. La radice, di forma di carota, può crescere fino a 1,2 m di lunghezza. Di solito è forchetta e molto ramificata e talvolta assume una forma simile al corpo umano, anche se qui bisogna aggiungere che questa caratteristica è molto dipendente dall'opinione e dagli occhi dell'osservatore. Tuttavia, questa forma particolare e inusuale della radice è stato uno dei fattori che stanno dietro il suo ampio utilizzo e la sua popolarità. Sebbene le radici che assomigliano al corpo umano non sono specifiche per la mandragora come sono state osservate in altre specie vegetali (ad esempio ginseng (Panax sp.), Cotone cinese (Fallopia multiflora). Le foglie di mandragora sono rughe, verde scuro e ovate, di solito fino a 50 cm di lunghezza, disposte in rosetta da cui emergono steli di fiori bianchi o viola. L'impianto è anche famoso per il profumo forte e insolito che alcuni attribuiscono effetti nocivi. Inoltre, per qualche ragione, la mandraca attira le lucciole che rendono la pianta lascia brillare di notte. Questo fatto può essere così impressionante che uno dei tanti nomi per i quali era nota la mandragola erano le candele dei jinn (in arabo: جِنّ‎, jinn) (NdE: Giani, Giane), e in seguito “candele del diavolo” (NdE: in tutti i testi dell'Inquisizione).

I frutti sono rossi-arancioni com bacche carnose aromatiche, somiglianti ai piccoli pomodori. Gli arabi li consideravano aventi proprietà afrodisiache, così inclini alla tentazione. Come molti membri della famiglia Solanaceae, tutte le parti della mandraca sono velenose agli esseri umani. La parte più tossica della pianta è la radice per la sua funzione come organo di riserva, presentando così una maggiore concentrazione di diversi prodotti chimici tossici, vale a dire gli alcaloidi.

La Mandrake che urla - Si credeva che la mandragola avesse poteri magici, possedendo una proprietà spirituale ed è stata quindi spesso utilizzata per scopi esoterici e in più popolari riti exoterici.

La Mandragola è stata considerata in molte società come avente proprietà medicinali, narcotiche e afrodisiache. Il suo utilizzo e le sue qualità sono state citatei da molti autori classici come Socrate, Demostene, Ambrogio Teodosio Macrobio (NdE, 1) e Teodoreto di Cirro che hanno scritto sulle proprietà soporifiche e anestetiche di questa pianta. Nella medicina tradizionale a base di erbe, nel Medioevo, la forma dell'impianto o di una qualsiasi delle sue parti, ovvero la loro somiglianza con qualsiasi aspetto del corpo umano, è indicativa per l'uso medicinale. Pertanto, la forma del corpo umano particolare della radice ha indicato che poteva essere usata per trattare l'intero corpo umano, il che significa che potrebbe essere usata per trattare e guarire da diverse malattie o condizioni che interessano diversi organi.

Secondo Theophrastos, il famoso filosofo greco che ha scritto il primo trattato sulle piante, Historia Plantarum, l'erborista potrebbe raccogliere la mandragola soltanto durante la notte. In primo luogo, si orienterebbe verso il sole che tramonta e per onorare le divinità infernali, cioè le forze telluriche. Disegnando tre cerchi intorno alla pianta con una spada di ferro vergine. Poi, di fronte all’ovest per evitare gli incantesimi lanciati dalla pianta, taglierà le porzioni delle radici secondarie. Non raccoglie la pianta, perché quando è strappata dal suolo, la pianta pronuncia un urlo che farebbe impazzire o addirittura uccidere quelli che l'hanno sentito. Quindi, dopo aver accuratamente coperto le orecchie con la cera, l'erborista legava un cane all'impianto radicale e gettando un pezzo di carne appena al di là della sua portata il cane correndo cadrà morto, ma la Mandragola è in tale modo strappata. Dopo la raccolta, la radice è avvolta in un pezzo di biancheria e in seguito la radice e foglie sono separate e gestite secondo i diversi usi e scopi. In alcuni casi la radice, preferibilmente a forma umana, era vestita di una tunica rossa con piccoli simboli magici disegnati e conservata in una scatola avvolta in seta e bagnata quattro volte l'anno con vino. Il liquido rilasciato dopo il bagno con vino ha proprietà magiche e poteva essere utilizzato per lanciare incantesimi.

Si crede inoltre che la Mandragola cresca solo in un luogo dove un criminale è stato condannato a morte, ad esempio sotto un albero dove è stato impiccato. Per questa ragione, e per l'osservazione comune che gli uomini impiccati spesso soffrono di erezione, la mandragola era ritenuta una pianta afrodisiaca che contenesse il seme dell'uomo impiccato. Pertanto, la Mandragola è stata anche utilizzata per trattare l'infertilità. Inoltre, la sua radice è stata utilizzata anche per mettere i pazienti in corso di intervento in uno stato di sonno profondo, durante il quale le operazioni chirurgiche potevano essere eseguite. La radice era infusa o bollita e la soluzione era quindi data al paziente da bere o applicata esternamente in medicazioni per ferite. Tuttavia, qui il dosaggio era cruciale poiché molti non si svegliarono.

La Mandragola è probabilmente l'anestetico più antico noto all'uomo.

Oltre al suo vasto uso medicale, anche la Mandragola è stata ritenuta un porta fortuna per coloro che la posseggono. Bloccata in una cassaforte, la radice della Mandragola raddoppierebbe il numero di monete in essa. La gente spesso pagò importi esorbitanti per una radice di mandragola in buone condizioni e in forma umana, mantenendola come un amuleto importante. Il suo valore era così alto che alcuni divennero padroni nell'arte della scultura in forme umane nelle radici delle piante e le vendevano come mandragole originali. C'erano libri scritti descriventi passo dopo passo come farsi una falsa radice di Mandragola.

Oggi la Mandragora attiva ancora curiosità ed è presente in molte forme culturali, in canzoni, romanzi, film e tv. I un romanzo, Giovanna d’Arco era accusata di usare la Mandragola e udendo così Dio. Chi non ricorda il professor Sprout, capo del Dipartimento di Erbologia di Hogwarts, e le famose mandragole urlanti in “Harry Potter e la camera dei segreti di J. K. Rowling”? I poteri afrodisiaci della Mandragora sono anche menzionati nella Bibbia (NdE: 2) e Shakespeare si riferisce ai suoi effetti narcotici e velenosi in varie opere. La Mandragola ha dato notorietà al nome del famoso successo teatrale pubblicato dallo scrittore rinascimentale italiano Niccolò Machiavelli nel 1524. Più di recente si possono vedere i poteri curativi della mandragola che beneficiano la madre di Ofelia nel famoso film del 2006 "Pan's Labyrinth" Diretto da Guillermo Del Toro.

Fonte https://hubpages.com/education/Mandrake

Note

1 -

Il capo militare e mago, Aurelio Ambrosius fu il padrone della Via Franchigena e di Milano nel IV secolo.

 

Ambrogio Teodosio Macrobio

https://it.wikipedia.org/wiki/Ambrogio_Teodosio_Macrobio

chiamato anche Ambrogio di Milano

http://www.cieliparalleli.com/Costume/ambrogio-di-milano.html

 

2

La prima Bibbia fu redatta alla fine del XV secolo e stampata nel XVI secolo dagli Agostiniani (Ordine Militare Cavalleresco). Documenti in: Fasti teologali numero notizie storiche del collegio de' teologi della Sacra Università fiorentina dalla sua fondazione sino all'anno 1738. Raccolte da Luca Giuseppe Cerracchini, 1738 [Ebook PDF]

https://books.google.it/books?id=bL4x0e8QkWoC&pg=PA112&lpg=PA112&dq=bibbia+degli+agostiniani&source=bl&ots=emSlKQ4rTO&sig=1ftOQXA1hbKXRwRC09ggnoJRJw0&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiGyK2dvffWAhUsDMAKHSFSDL44ChDoAQhQMAk#v=onepage&q=bibbia%20degli%20agostiniani&f=false

I libri proibiti del famoso Indice Librorum Prohibitorum, elenco di titoli proibiti compilati dall'Inquisizione romana (che successivamente divenne il Santo Ufficio ed è nota oggi come Congregazione per la Dottrina della Fede) http://www.iicchicago.esteri.it/iic_chicago/en/gli_eventi/calendario/science-and-faith-between-observance-and-censorship-rare-books-from-campania.html

(...).

 

 

 

You have no rights to post comments