f8414-1010688 472543576170706 1868880860 n

 

 

Il miglior esempio superstite di una sfera vuota, senza soluzione di continuità prodotta in un centro scientifico e artigianale del Bhārata (1) è quella per alcuni associata al nome di un astronomo maestro Mughal (2).

Si può osservare che la sfera è inscritta in cifre astronomiche e in urdu. L'enorme sfera è di bronzo ornata con figure zodiacali e scritture incise.

<<Il globo metallico vuoto è stato ottenuto con un'eccezionale tecnica giudicata "miracolosa", essendo eseguito senza soluzione di continuità in un unico pezzo prodotto da un laboratorio di costruttori in strumenti di precisione, ha sbalordito i maggiori esperti metallurghi del mondo. Nessuno immaginava che ci potesse essere qualcosa di così straordinario nella costruzione di globi simili originati nell'antichità classica. L'idea che possa essere stato fuso in un pezzo unico senza cuciture era respinta, perché ritenuta un'impresa impossibile. Questa sfera vuota senza soluzione di continuità è potuta con una tecnica segreta. È risaputo che uno dei primi esempi su sfera senza soluzione di continuità è di un’officina a Lahore, in Pakistan (1), e si è scoperto che la tecnica, descritta come 'segreta fusione a cera' è stata ampiamente conosciuta dagli artigiani metallurghi in India settentrionale fin al tardo 16° secolo durante l’impero Moghul (2). In realtà, alcuni laboratori individuati continuarono a utilizzare la tecnica fino al 19° secolo. Anche se a quanto pare ora è stata persa dalle tecniche di produzione. Globi senza soluzione di continuità erano ancora realizzati a Lahore fino alla metà del 19° secolo. Nel 1842 Lala Balhumal Lahuri, un creatore indù in strumenti di precisione ha fatto un tale globo per il suo patrono Sikh.>>.

62d50f42bfb637d16e0213aaf70cef76 Il famoso globo astronomico indiano "fu attribuito da qualcuno a Muhammad Salih Tahtawi (1074 AH / 1663-1664 d.C.) poiché completato in iscrizioni nell'anno 1631 durante la dinastia Mughal, dove egli fu astronomo, geometra e artigiano nato e cresciuto a Thatta, provincia di Sindh (adesso Pakistan), sotto il regno dell'imperatore Mughal Shah Jahan e il governatorato di Mughal Nawab Mirza Ghazi Beg del Sindh. In quegli anni i giovani metallurghi furono reclutati frequentemente e consegnati alla corte Moghul di Agra".

 

 

tumblr inline moh277EhnM1qz4rgp tumblr inline moh2luqwX41qz4rgp

http://compasswallah.tumblr.com/post/53084661720/the-black-sphere-of-varanasi

Una fotografia del 1870 scattata a Varanasi (Benares). La descrizione è alla British Library di Archaeological Survey of India Collections: India Office Series (Volume 46) la descrive: "Una classe al Queen College di Varanasi in Uttar Pradesh, scattata da Brajo Gopal Bromochary nel 1870. Questa immagine mostra alunni seduti, davanti all'edificio collegiale intorno al Pandit Bapudeva Sastri, professore di astronomia, con una sfera armillare e un globo scuro e liscio accanto a lui.

Economy of Mughal Empire

http://www.indianetzone.com/50/economy_mughal_empire.htm

Imperatore Jahangir, (...).

 

eastern Turkey region of Lake Van  kugel-globe

http://members.westnet.com.au/gary-david-thompson/page11-16.html

Foto: Il globo celeste Kugel.

Anche il Kugel Globe potrebbe essere parte dii una sfera armillare. Il pezzo è datato intorno al 300-100 aC. o un globo celeste dell'antichità classica tra i pochi sopravvissuto. È di 6,3 cm in diametro, d'argento dorato, ed è stato acquisito e tenuto per qualche tempo nella galleria J. Kugel Antiquaries a Parigi (Francia). Fu acquisito da questa galleria nel 1996 circa. Il Kugel Globe (dal nome dell'antiquario di Parigi, GALARIE J. Kugel), è ora in una collezione privata com'è stato riferito, fu trovato accanto a due oggetti risalenti al 2° secolo aC. Il globo fu scoperto nella Turchia orientale, nella regione del lago Van (già parte di Armenia). Secondo Elly Dekker (2013), il più grande lago in Turchia, situato nella parte più orientale del paese."

Note

1 - Bhārat o Bhārata (in sanscrito) è l'India chiamata Bhāratavarṣa (il continente di Bhārata) con il leggendario imperatore Bhārat. Il paese (varṣam) è chiamato Bharatam come i suoi discendenti." Il nome Bhārata (भारत) è attribuito anche alle persone del subcontinente indiano, adesso Repubblica dell'India. La designazione Bhārata compare ufficialmente in sanscrito come nome del paese, Bhārata Gaṇarājya. È derivante dagli antichi Purana indù, che si riferiscono alla terra d''India come Bharatavarṣa. (Sanscrito: भारतवर्ष, illuminato paese di Bhārata) e che usano questo termine per distinguerlo da altri varṣas o continenti. La parola sanscrita Bhārata è una derivazione vṛddhi di Bhārata, letteralmente “fuoco mantenuto" che in origine era un epiteto di Agni. Il termine è un sostantivo verbale della radice sanscrita bhr, "recare / guidare".

«India», non è intesa come ai nostri giorni ma come quella del periodo arcaico. In quegli antichi tempi, regioni che oggi ci sono note sotto altri nomi erano tutte chiamate India. Vi erano un'India superiore, una inferiore e una occidentale, che oggi è la Persia-Iran. Le regioni oggi chiamate Tibet (Cina), Mongolia e Grande Tartaria, erano pure considerate come India dagli antichi scrittori.>> (Gupta-Vidya).  

(...).

2 - Letteralmente: mongolo, della Mongolia, regione compresa nel vasto continente di Bhārata (o India dell'antichità). Gran Mogol o Moghul (in codice Mughal: دولتِ مغل, e in linguaggio comune urdu: مغلیہ سلطنت), è il nome con il quale erano indicati i membri di una dinastia imperiale che regnarono in India dal 1526 al 1707. Il fondatore Babur fu un discendente del grande civilizzatore turco-mongolo Temür, e governava da una delle tante città della Transoxiana, in buona parte l'odierno Uzbekistan.