Una repubblica “dipendente” di Stefano Vernole



Una repubblica “dipendente” di Stefano Vernole


4 Giugno 2009
Inserito da Lorella Binaghi
Spedisci E-Mail




Fonte: http://www.cpeurasia.org/?read=26095

Una repubblica “dipendente” di Stefano Vernole


03.06.2009 - Un'Italia piegata agli interessi USA: l'ennesimo esempio dal caso "Maletti".

Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ci ha ricordato che con la nascita della Repubblica, il 2 giugno 1946, l’Italia diveniva “democratica, libera e indipendente”.

Stando ad una recente intervista rilasciata dal generale Gianadelio Maletti (vedi “Corriere della Sera” di venerdì 29 maggio), però, così non pare.

Innanzitutto l’ex capo del controspionaggio italiano (Reparto D), latitante in Sudafrica, si è visto rifiutare la grazia, ma dall’articolo sopra citato apprendiamo che: “La risposta negativa del capo dello Stato è stata comunicata qualche giorno fa al ministero della Giustizia, al termine delle verifiche svolte dagli uffici competenti di via Arenula e del Quirinale. Compresa quella sulla richiesta di estradizione di Maletti, respinta una prima volta dal Sud Africa, Paese nel quale il militare risiede, ma mai ripresentata dall’Italia dopo la firma di un’apposita convenzione da parte del governo di Pretoria . Il prossimo 30 settembre Gianadelio Maletti, in pensione con il grado di Divisione dell’Esercito, compirà 88 anni …”.

Perché tanto accanimento nel caso Battisti (l’Ambasciatore brasiliano in Italia continua a incontrare ostacoli di natura diplomatica) e tale noncuranza nella richiesta di estradizione di Maletti?

Che si voglia aspettare la morte dell’ex generale in Sudafrica e impedirgli di deporre davanti ad un tribunale?

Eppure cose da raccontare Maletti ne ha parecchie, se consideriamo che nel 1997, durante un’audizione alla Commissione d’inchiesta sulle stragi del Parlamento italiano spiegò come: “I Servizi italiani non erano deviati, bensì piegati alle esigenze del partito americano; che dietro la strage di Piazza Fontana c’erano la CIA e personaggi utilizzati dai Servizi statunitensi”.

Queste poche righe permettono di confermare alcuni concetti fondamentali, che il Coordinamento Progetto Eurasia da anni non si stanca di ripetere:

1. L’Italia non è una nazione sovrana, vista l’occupazione militare, culturale, economica e quindi politica perpetrata dagli Stati Uniti. Un’occupazione che permane proprio da quando, stando alle parole di Napolitano, l’Italia sarebbe divenuta “indipendente” … Tutti i personaggi che in un qualche modo hanno cercato di affrancarsi, anche parzialmente, dalla dominazione statunitense, sono stati eliminati. Il caso forse più eclatante riguarda Enrico Mattei, specie alla luce dei recenti documenti pubblicati dai servizi segreti inglesi: Il 7 agosto 1962, in un documento indirizzato a Jarratt (ministero dell’Energia/ settore petrolifero di Londra), qualcuno riferisce quanto avrebbe detto Mattei in una conversazione privata: “Ci ho messo sette anni per condurre il governo italiano verso una apertura a sinistra. E posso dirle che mi ci vorranno meno di sette anni per far uscire l’Italia alla Nato e metterla alla testa dei paesi neutrali [Non Allineati]”. Manca poco più di un anno alla nascita del primo governo di centro-sinistra guidato da Aldo Moro. Ricordiamo che in Italia esistono più di cento basi militari USA/NATO.

2. I Servizi segreti italiani non sono mai stati “deviati” (nota tesi della “sinistra” italiana per giustificare le “anomalie” della Repubblica) bensì posti sotto il diretto controllo degli apparati spionistici statunitensi. Ne discende la logica conclusione che l’Italia non fu mai liberata al termine della Seconda Guerra Mondiale, bensì occupata dagli angloamericani, registri delle stragi che hanno insanguinato il nostro paese dal 1969 al 1980 e non solo. Peraltro, contrariamente a quanto stabilito ufficialmente al momento della loro costituzione, i Servizi segreti italiani hanno licenza d’uccidere, stante un accordo raggiunto con la CIA.

3. In Italia esiste un “Partito Americano”, che il CPE da anni denuncia, al quale vanno ricondotte tutte le manovre di destabilizzazione ed eterna dipendenza della nostra nazione dai dettami atlantici. Senza la messa fuori gioco di questo Partito, che raggruppa indistintamente tutti gli schieramenti politici, dall’estrema destra all’estrema sinistra, non è possibile condurre alcuna politica sovrana e di carattere strategico. Il “Partito Americano” si avvale di forti agganci nel mondo dell’informazione, ed è proprio grazie al controllo dei mass media che mantiene il controllo di politici senza nerbo.

Data questa catastrofica situazione e trovandoci alla vigilia di elezioni (seppur europee ed amministrative) non si può fare a meno di consigliare a quanti hanno intenzione d’impegnarsi che la questione USA rimane al centro di ogni problema, per cui tutto quanto accade (vedi anche recenti attacchi mediatici a Berlusconi) va ricondotto agli equilibri internazionali.

Sotto qualsiasi bandiera si concorra, occorre comprendere la logica geopolitica degli avvenimenti e comportarsi di conseguenza; ne va, appunto, della nostra libertà.







Elenco generale d'articoli in "Stanza della Lettura"

Clicca: "Rassegna del Var". Il Costume a Varese e in Distretti Lepontini.





© 2005 - 2009 Grafica e layout sono d'esclusiva proprietà di cieliparalleli.com