Disarmo nucleare rallentato sine die – di Roberto Vacca


Disarmo nucleare rallentato sine die – di Roberto Vacca


17 Novembre 2008

Un amico ed agente di cieliparalleli.com mi ha inviato un pezzo su disarmo nucleare rallentato, argomento che è meglio non dimenticare!

LB


From: Pirri Andrea pirriandrea@tiscali.it
To: editor@cieliparalleli.com
Sent: Monday, November 17, 2008 3:45 PM
Subject: articolo


Ricevo e inoltro.
Andrea


Disarmo nucleare rallentato sine die – di Roberto Vacca, Nòva Ilsole24ore, 9 Novembre 2008

Negli ultimi 27 anni, in conseguenza di accordi internazionali sul disarmo, gli arsenali nucleari sono stati ridotti. Nel 1980 gli USA avevano 9.200 testate nucleari e l’URSS 7.600 - la situazione attuale (31/10/2008) è la seguente:


Paese
Russia (CIS)
USA
Francia
Cina
UK

Totale
Testate nucleari

5.972
5.170
449
225
185
12.001

M ton equival.alto esplosivo
2.800
1.560
336
225
55
4.976

Fonte: Atomic Archives, SIPRI

Il potenziale distruttivo totale equivalente, trascurando gli arsenali di India, Pakistan e forse (dato che non ha mai fatto test di armi atomiche) Israele corrisponde a 4.976 miliardi di kilogrammi di alto esplosivo. La popolazione mondiale a fine 2008 è di 6,75 miliardi di persone: perciò il potenziale distruttivo equivale a 737 kilogrammi di alto esplosivo per ogni essere umano. È il più grave pericolo che incombe sulla Terra e va eliminato o, almeno, ridotto drasticamente. La riduzione delle testate nucleari procede molto lentamente. Ci sono indizi che rallenterà ancora e si fermerà del tutto.

L’ultimo numero del trimestrale “Technology and Society” della IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) pubblica un articolo (“Manutenzione e trasformazione del complesso delle armi nucleari USA”) che descrive in dettaglio i piani USA per gestire le migliaia di armi nucleari dei loro arsenali. Gli autori sono: B. Sims, statistico dei laboratori al Los Alamos National Laboratory, e C. Henke, sociologo di Colgate University. Non parlano affatto di neutralizzare le testate nucleari e recuperare materiale fissile per produrre energia. Le decisioni sono prese dal Nuclear Weapons Council (NWC), organizzazione creata dal Congresso USA per coordinare, coinvolgendo la NNSA (National Nuclear Security Administration) le attività del Dipartimento della Difesa e di quello dell’Energia mirate a gestire gli arsenali di armi nucleari. I piani sono di conservarle il più a lungo possibile e di renderle più efficaci e stabili pur senza effettuare test, ormai fuori legge. L'ultimo test si fece nel 1992. Ora non ne fanno più: nel 1996 gli USA firmarono il trattato che bandisce i test nucleari.

Dagli anni ’90 lo Stockpile Stewardship Program (Programma di Assistenza alle Scorte) non mirava più a progettare nuovi sistemi d’arma, ma si dedicava a produrre modelli e simulazioni di possibili nuovi progetti di bombe. Quelle contenute negli arsenali non erano state progettate per durare indefinitamente, ma per avere una vita di uno o due decenni ed essere sostituite man mano da armi nuove e più efficaci. Il programma doveva anche assicurare la conservazione di conoscenze adeguate da parte dei progettisti in merito ai risultati dei test eseguiti. L’obiettivo era di mantenere gli arsenali in modo che restassero indefinitamente efficienti,. Clinton nel 1993 chiese al Dipartimento dell’Energia che “assicurasse la fiducia nella sicurezza e affidabilità delle armi nucleari e la loro indiscussa efficacia come deterrenti”.

Negli ultimi anni si è passati al Reliable Replacement Warhead Program (RRWP – Programma di Sostituzione Affidabile delle Testate) mirato a riprogettare le bombe in modo che possano essere immagazzinate molto più a lungo mantenendo la loro efficienza. Il programma prevede anche che siano costruite (ma non sperimentate) armi nucleari del tutto nuove, il cui rapporto peso/potenziale distruttivo sia più basso, che non impieghino materiali nocivi all’ambiente e che siano più facili da produrre.

Il RRWP si sta trasformando nel piano Complex 2030 mirato a costituire una forza deterrente credibile e duratura. È preoccupante che anche questo piano non preveda di continuare a trarre combustibile nucleare per fini energetici (come già è stato fatto), né di smantellare la maggioranza delle 5.000 testate disponibili agli USA. Sembra che l’intento del Nuclear Weapons Council tenda più a valutare le reazioni della “comunità (degli addetti) alle armi nucleari” che a costruire scenari e proiezioni accettabili. E’ curioso che uno degli autori dell’articolo sia un sociologo cui si deve forse attribuire una delle frasi conclusive – e criptiche: “Il carattere dinamico della riparazione è ciò che permette di conservare la coerenza e il senso pratico e allo stesso tempo di aprire possibilità di cambiamento e di ridefinizione delle circostanze sociali”.

Sul disarmo scrisse un libro importante Freeman Dyson (“Armi e Speranza”, 1984) in cui notava che è più realistico cercare di eliminare le armi nucleari che di abolire ogni guerra, delineava soluzioni tecnologiche come la proposta di ridurre al minimo il numero delle armi offensive, disponendo anche di alcuni piccoli e precisi missili di difesa. Ricordava, infine, che una guerra nucleare potrebbe avere conseguenze imprevedibili e forse segnare la fine della civiltà.


Esplosione atomica
http://www.petrolvilla.it/redazionale/7/art11.htm

Il pubblico non viene informato in merito a questi argomenti vitali. Politici e tecnici americani sembrano impegnati a conservare un deterrente credibile con una scorta adeguata di testate nucleari e l’expertise necessaria ad assicurare la loro indefinita efficacia. Giornali, radio e televisioni dovrebbero dare spazio ai movimenti per il Disarmo Nucleare e Pugwash perché dicano con parole chiare che queste tendenze sono sbagliate, irresponsabili e capaci di condurre a un olocausto tragico e arduo da immaginare.


Approfondimenti

http://www.progettobabele.it/autori/robertovacca.php
http://www.robertovacca.com/






Clicca Rassegna del Var





© 2005 - 2006 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di cieliparalleli.com