6393010 214809309166 2Il Tai Shan (Monte Tai) nel Distretto di Shandon, in Cina ha un significato culturale e religioso da migliaia di anni. È una delle cinque montagne sacre della Cina ed è associata all'alba, alla nascita e al rinascimento. Mentre si avanza sulla montagna, s'incontrerà "Il Ponte Immortale" (in foto).

Il Ponte Immortale è composto da tre enormi rocce e molte altre più piccole. Sotto c'è una valle e a sud c'è un abisso apparentemente senza fondo. Nessuno sa quando queste possenti rocce caddero (NdE, 1) nel loro posto attuale, ma è probabile che siano state così fin dall'ultima era glaciale.

Fonte http://www.kuriositas.com/2011/04/immortal-bridge.html

Ricerche e traduzioni in italiano alla cura di Lorella Binaghi.

泰山仙人桥图片 http://www.nipic.com/show/1/27/4332022k96da6288.html

Approfondimenti

27 taishan 02Taishan: La montagna più famosa della Cina

Taishan (泰山, Tài Shān), Monte Tai, si trova nella città di Tai'an (泰安, Tài'ān), distretto di Shandong, nella piana di Qilu (齐鲁). Si trova vicino a Qufu (曲阜), la città natale di Confucio, e confina con Jinan, la città delle sorgenti. Il vertice, chiamato Imperatore di Giada (玉皇顶, Yùhuáng Dǐng), è il più alto di Taishan, con 1.545 metri in elevazione. Taishan, per la sua presenza e maestà, è considerato "il primo dei Cinque Grandi Monti" e "la migliore montagna del mondo".

Taishan è noto per la sua grandezza. Con le sue cime sovrapposte, enormi massicci, vecchi pini, gigantesche rocce e il costante cambiamento delle nuvole, trasmette un fascino irresistibile. I quattro paesaggi più famosi sono: l'alba, il "mare di nuvole", il tramonto e la "cintura dorata del Fiume Giallo" (il riflesso del fiume). I turisti possono accedere alla vetta più alta con tre funivie e vedute dall'alto dei panorami offerti dalla montagna e da diverse angolazioni. Un'altra opzione è quella di salire a piedi e verificare da soli la pendenza e la scoscesa del luogo.

Taishan (泰山, Tài Shān), Monte Tai, si trova nella città di Tai'an (泰安, Tài'ān), distretto di Shandong, nella piana di Qilu (齐鲁). Si trova vicino a Qufu (曲阜), la città natale di Confucio, e confina con Jinan, la città delle sorgenti. Il vertice, chiamato Imperatore di Giada (玉皇顶, Yùhuáng Dǐng), è il più alto di Taishan, con 1.545 metri in elevazione. Taishan, per la sua presenza e maestà, è considerato "il primo dei Cinque Grandi Monti" e "la migliore montagna del mondo".

Taishan è noto per la sua grandezza. Con le sue cime sovrapposte, enormi massicci, vecchi pini, gigantesche rocce e il costante cambiamento delle nuvole, trasmette un fascino irresistibile. I quattro paesaggi più famosi sono: l'alba, il "mare di nuvole", il tramonto e la "cintura dorata del Fiume Giallo" (il riflesso del fiume). I turisti possono accedere alla vetta più alta con tre funivie e vedute dall'alto dei panorami offerti dalla montagna e da diverse angolazioni. Un'altra opzione è quella di salire a piedi e verificare da soli la pendenza e la scoscesa del luogo.

Taishan è ricco di prodotti come língzhī (灵芝, "il fungo dell'immortalità"), Fallopia multiflora (何首乌, hé shǒu wū), castagne e noci, tutti molto popolari in Cina. Inoltre, una ventina di antiche formazioni architettoniche e oltre 2.200 stele fanno di Taishan un punto di interesse turistico che integra cultura, storia e paesaggi pittoreschi con un ricco patrimonio naturale. Taishan non è la montagna più alta, né la più grande, né la più bella della Cina. Tuttavia, occupa un posto di rilievo nella cultura e nella storia del paese. È una delle Cinque Grandi Montagne della Cina (五岳, Wǔyuè), insieme a Hengshan (衡山, Héng Shān), Huashan (华山, Huà Shān), Songshan (嵩山, Sōng Shān) e Hengshan (恒山, Héng Shān). Anche se occupa solo il terzo posto in quota, è la più importante dei cinque.

Nell'antichità ricevette il nome di Dàishān (岱山) o Dàizōng (岱宗), finché nel periodo delle Sorgenti e degli Autunni (春秋 时代, 770-476 a.C.) fu cambiato in quello di Taishan. Sin dai tempi antichi, i cinesi hanno adorato questa montagna, c'è persino il detto: "Se Taishan è in pace, tutti sono in pace" (泰山 安, 四海 (天下) 皆 安). Pertanto, gli imperatori cinesi hanno voluto venire di persona per celebrare la cerimonia del Feng Shan (1) (封禅, fēng shàn) e adorare gli antenati. Da un lato, attraverso questo mezzo, comunicarono alle persone che erano "figli del cielo" (天子), cioè inviati dagli dei per governare il paese. Dall'altro, era un simbolo di stabilità sociale, prosperità e unità. Taishan divenne l'emblema del pensiero cinese "uomo e universo sono tutt'uno".

Secondo i documenti storici, dall'imperatore Qin Shi Huang (秦始皇) agli imperatori Wudi (秦始皇) e Guangwudi, (光武帝) della dinastia Han (汉); Wendi, (文帝) della dinastia Sui (隋); Gaozong (高宗) e Xuanzong (玄宗), della dinastia Tang (唐); Zhenzong (真宗), della dinastia Song (宋); e Kangxi (康熙) e Qianlong (乾隆), della dinastia Qing (清); Andarono a Taishan per celebrare la cerimonia del Feng Shan e adorare i loro antenati. L'imperatore Wudi ha scalato la montagna sette volte. Durante tutta la storia della Cina, l'ultimo imperatore a celebrare il rito del Feng Shan fu Zhenzong. I seguenti imperatori  passarono semplicemente adorando gli antenati. L'imperatore Qianlong è andato a Taishan undici volte, sei delle quali è salito alla cima. Le cerimonie del Feng Shan e il culto degli antenati furono celebrati nella vetta conosciuta come "l'Imperatore di Giada" e al Tempio Dai (岱庙, Dàimiào), situato ai piedi della montagna.

Feng Shan è una cerimonia in cui il culto era reso al cielo e alla terra. Feng, l'imperatore si arrampicò sulla cima di Taishan, ordinò di costruire un altare di terra per adorare il cielo; l'imperatore Shan ordinò di erigere un'altura nelle falde di Taishan per rendere omaggio alla terra.

Anche i letterati di diverse dinastie salirono al Taishan attratti dalla loro fama. Il primo degli studiosi che scalarono il Monte Tai fu Confucio (孔子, Kǒngzǐ), seguito da Sima Qian (司马迁), Zhang Heng (张衡), Li Bai (李白) e Du Fu (杜甫), tra gli altri. Confucio ha coniato la frase: "quando arrivi a Taishan, tutti si restringono" ("登泰 山 而 小 天下"). Du Fu ha detto: "quando arriviamo in cima, il resto delle montagne sembra piccolo" ("会 当 凌 绝顶, 一览 众 山 小"). La montagna, che è stata venerata per migliaia di anni da governanti e saggi cinesi, è la più famosa nel suo genere.

Fonte http://confuciomag.com/taishan-la-montana-mas-famosa-de-china

(...).

Note

3 - A Treatise on the Seven Rays, Vol.3: Esoteric Astrology, by Alice Bailey.

... da Venere giunsero sulla Terra centoquattro Kumara; la cifra esatta fu centocinque, se si conta l’Unità sintetica, il Signore del Mondo. Con Lui rimangono ancora i tre Buddha di Attività. Prestate attenzione al duplice significato del nome “Buddha di Attività”; esso infatti comporta il fatto reale che Entità di quel livello di evoluzione sono amore - saggezza in azione e in Sé ne incorporano i due aspetti. I tre Buddha di Attività corrispondono alle tre Persone della Trinità. (F.C. 386, 387).

1 - Sembra che Il Ponte Immortale (ma forse bisognerebbe chiamarlo il ponte degli Immortali) sia stato costruito da antichi ingegneri tecnologicamente altamente progrediti. È possibile notare che la struttura del ponte crea un arco con le rocce utilizzate e quindi non può essere stata prodotta  naturalmente.

Potrebbero essere stati i Gul (jinn, geni, giani, folletti, spiriti, demoni) e i Giganti (2) a costruirlo, gli unici in grado di far levitare le rocce.

Molti sono i riferimenti ad antichissimi Guardiani dei luoghi e delle pietre che sono da sempre al servizio della Signoria del Mondo (3). Nella leggenda connessa alla prima immagine di Buddha è scritto: <<sia Indra che Vishnu affrontarono i demoni del Monte Velu. Riconoscendo Indra, i demoni abbandonarono la loro postura aggressiva e s’inchinarono a lui, chiedendogli come potessero servirlo. Indra spiegò che una pietra delle più preziose fosse necessaria per creare un’immagine del Buddha che ispirerà tutti quelli che lo guarderanno. Contrariati alla richiesta di Indra, i demoni risposero che loro servivano come custodi delle gemme preziose per il Re Isvara che vive in alto sulle montagne dell'Himalaya. I demoni notarono che la più preziosa di tutte queste gemme era un raro pezzo di giada. Indra e Vishnu furono autorizzati a visualizzare la pietra, essi si meravigliarono del bagliore verde luminoso che emanava da essa. Convinti che quella fosse la pietra occorrente, Indra chiese se poteva dare la pietra a Nagasena. Nel timore del Signore Buddha, i demoni accordarono alla richiesta di Indra.

http://www.cieliparalleli.com/Costume/la-storia-e-le-origini-sul-buddha-di-smeraldo.html

Altri riferimenti ai jinn si trovano anche in racconti di "Marco Polo" http://www.cieliparalleli.com/Costume/gengis-khan.html

2 -

giant footprin  Pingyin  Chinagiant-human-footprint-china-1

In foto: antiche gigantesche impronte plantari nella roccia in Pingyin, China

http://strangesounds.org/2016/09/giant-human-footprint-fossilized-in-a-rock-discovered-in-china-pictures-video.html

 


 

Add comment