madonna-regina-di-genova-3

Targa commemorativa pertinente alla statua della Regina di Genova o "La Madonna del Porto" di Bernardo Carlone, l'originale conservata presso Palazzo San Giorgio.

<<Per narrare la storia di quest’opera d’arte bisogna andare a un tempo remoto, al 1630, anno nel quale Papa Urbano VII emanò una bolla con la quale si stabiliva un ordine di precedenza nelle processioni per tutti i rappresentanti di Stati dove vigeva la Monarchia, i reali erano tenuti in grande considerazione.
La Serenissima Repubblica di Genova doveva correre ai ripari: ci voleva una soluzione per sancire la sovranità della Repubblica e l’autorità del Doge.
E così, il 25 marzo 1637, con una fastosa cerimonia in San Lorenzo il cardinale Giovanni Domenico Spinola, nell’entusiasmo dei numerosi devoti, celebrò l’incoronazione di Maria, fu Lei a divenire Regina della città.
A lei vennero offerti i simboli del potere: la corona, lo scettro e le chiavi della città, l’immagine di Maria da quel momento figurò sulle monete della Repubblica.
Si stabilì che venissero erette due statue: una di esse, scolpita da Domenico Scorticone nel 1647, venne eretta sopra Porta Pila, potete vederla nella cartolina sottostante che è tratta dalla collezione del mio caro amico Eugenio Terzo>>.

 

porta-pila

http://dearmissfletcher.wordpress.com/tag/madonna-del-porto/

<<E’ assisa e sorride la Regina di Genova, ha la corona sul capo e nella mano destra regge lo scettro. Ai tempi della costruzione della statua gli antichi genovesi avevano stabilito che Gesù Bambino tenesse in mano le chiavi della città e stringesse a sé una carta sulla quale si leggono queste parole: et rege eos>>.

http://dearmissfletcher.wordpress.com/2013/03/03/palazzo-san-giorgio-e-la-madonna-regina-di-genova/

 

madonna-regina-di-genova

http://dearmissfletcher.wordpress.com/2013/03/03/palazzo-san-giorgio-e-la-madonna-regina-di-genova/ 

Dell'effige alla "Madonna Regina di Genova" conservata a Palazzo San Giorgio nel 1997 a Molo Giano fu esposta una copia fedele su quella creata da Bernardo Carlone che fu poi collocata sulla "Torre dei piloti" nell'area portuale.

<<La statua era stata fissata sulla torre già nel 1997 quando fu inaugurata la torre ma successivamente, per evitare la corrosione del salino sul marmo della statua, la protrettrice dei piloti è stata sostituita da una copia in vetroresina. La scultura originale è conservata nel palazzo dell’Autorità del porto  – Fonte: http://genova.repubblica.it/>>.

Il resto della storia inerente alla statua della Regina di Genova lo potete leggere interamente sul seguente interessante link dal quale sono state tratte alcune immagini e citazioni http://dearmissfletcher.wordpress.com/tag/madonna-del-porto/

 

***** * *****

La Regina di Genova e lo smantellamento della Marina

33dscn7986

http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=36529

"Tutti i marinai, al loro inevitabile passaggio presso la Torre, davano sempre un’occhiata alla statua della Madonna della Guardia, protettrice di Genova e dei suoi uomini di mare".

 

La Dea mariana Regina di Genova

Poco distante le onde si infrangono contro le banchine del Porto.
E’ vicina al mare colei che la Repubblica di Genova volle come sua Regina.
E ai suoi piedi, incise nel marmo, le parole scritte a gloria e lode di Lei che custodisce questa città.

http://dearmissfletcher.wordpress.com/tag/madonna-del-porto/

 

172129082-3de26eaf-11aa-4951-a335-4c23a0457799

Foto su ciò che rimane di statua della Madonna protettrice dei marinai al molo Giano di Genova dopo l'anomalo incidente verificatosi martedì 7 maggio 2013.

Incidente Genova, il presidente del porto

http://www.cieliparalleli.com/Appunti-di-Cronaca/incidente-genova-il-presidente-del-porto-condizioni-meteo-perfette.html

 

 

 

 

 

 

Il messaggio in codice convenzionato tra frammassonerie clericali ambrosiane potrebbe essere il seguente: un jolly nero (membro dei Gesuiti) distrugge il Giano (Giove) e la sposa del mare rappresentata dalla dea madre (Venere) o Madonna.

Il mese di maggio nella tradizione cattolica oltretutto è dedicato alla dea mariana.

Il nome della città Genova presumibilmente deriverebbe da Geova (Giove).

E i simboli del potere (Marina) come la corona (Potestà) le chiavi (Conoscenza) pertinenti alla Regina di Genova sono stati ridotti a rifiuti da ritualisti malevoli. Ci si domanda spontaneamente chi voglia tenersi uno scettro senza reggenza e senza istruzione.

 

Genova in lutto http://www.cieliparalleli.com/Appunti-di-Cronaca/genova-in-lutto.html

 


Aggiungi commento