bandiere 016 jpg

Corni tibetani

 

Tra i membri del personale navale in servizio non sono contemplati esperti musicisti in soffiaggio di trombe perché con i moderni sistemi di comunicazione è sufficiente premere un pulsante per far funzionare sirene acustiche. Le sirene navali suonano in modo assai udibile similmente ai corni tibetani usati dai montanari e non solo himalayani per comunicare tra monti e valli.
 
La nave Jolly Nero collisa secondo pubblicazioni giornalistiche al porto Giano di Genova il 7 maggio 2013 intorno alle 23:00 si afferma avesse più problemi di comunicazione che meccanici.
Da un comunicato giornalistico di oggi sembra che <<alla nave Jolly Nero non funzionasse anche il contagiri>>.
E oltretuuto: <<Secondo quanto si apprende presso la Capitaneria ogni avaria sarebbe dovuta essere comunicata alle autorità portuali quando la nave era ancora all'ormeggio. Intanto la procura di Genova ha disposto il sequestro del video in cui è immortalato l'incidente avvenuto la notte. La procura aveva già a disposizione due filmati realizzati in infrarossi da sistemi di sorveglianza notturni di enti presenti in porto, tra cui lo Yacht Club. In nessuno di questi filmati, però, era visibile l'incidente>>.
 

 

Dalle analisi su alcuni fotogrammi della clip di TG2 sono state tratte immagini e particolari dell'unico filmato scodellato ai contribuenti pubblici italiani il 13-05-2013 e che sembra essere un'animazione per fotomotaggio.

G 13052013 00

Analizzando per esempio il fotogramma sovrastante indicato del filmato emesso da TG2 alle ore 13:00 del 13 maggio 2013 sul presunto impatto di una nave alla torre portuale di Genova.  Come si può notare sulla foto alla destra dove c'è una sagoma assomigliante alla torre si vede il finestrino illuminato di una nave come se la nave sfilasse al lato della torre e non di fronte alla torre, inoltre, il bordo scuro della sagoma presumibilmente pertinente alla torre è nero e non ha alcun chiarore che lo illumini nonostante i fari illuminanti della poppa pertinente alla nave in prossimità dell'edificio.

Proseguendo con un particolare tratto dalla stessa immagine indicata sopra vediamo che il bordo della sagoma pertinente alla torre e visibile alla destra è una linea nera continua che non è rischiarata d'alcuna illuminazione. Questo fatto fa pensare ad una sovrapposizione d'immagini in film ritoccato per foto montaggio.

G 13052013 02 p

http://www.cieliparalleli.com/Appunti-di-Cronaca/genova-la-banchina-protettiva-per-la-torre-dei-pilot/Page-2.html

Clip - 08 maggio 2013.  Nelle immagini girate dall'elicottero della Guardia di Finanza di Genova si coglie la gravità di quanto è accaduto nel porto.

(...).

Approfondimenti

Ship siren
Sirena di una nave
 

Clip -  Cruise Ships Horn!!! - Musica per orecche forti
 
 
 
12 giugno 2013 Inchiesta Jolly Nero - Primi interrogatori, nessuno risponde ai pm
 

<<Genova - IL PILOTA Antonio Anfossi non è in condizioni di affrontare un interrogatorio: per questo ieri mattina non si è presentato alla convocazione della Procura, che lo ha invitato a comparire di fronte al pm che indaga sull’incidente della Jolly Nero. Gli avvocati difensori Francesco Munari e Carlo Golda hanno presentato una serie di certificati medici che dimostrano un fortissimo stato di stress post traumatico seguito al disastro. Per quanto riguarda gli altri indagati, invitati a presentarsi nei prossimi giorni, l’intenzione è quella di avvalersi della facoltà di non rispondere.

jolly nero prove Ge30052013 2676-F130530182721--U1902193932716EXD-279x161--220x286

Nel frattempo nave della compagnia Messina, dopo aver superato il vaglio del Rina e della capitaneria di porto (quest’ultimo, tecnicamente, arriverà quasi certamente oggi) è pronto a salpare le ancore. La partenza è prevista per oggi, non appena il primo ufficiale Flavio Repetto, uno degli indagati atteso in Procura (difeso dall’avvocato Pasquale Tonani), verrà riaccompagnato a bordo. Il via libera dell’ente certificatore è arrivato l’altro ieri, dopo l’effettuazione di una manovra simile a quella che il 7 maggio scorso ha preceduto l’impatto con la torre piloti e la morte di nove persone.

Tra i membri dell’equipaggio raggiunti dall’invito a comparire notificato dagli inquirenti c’è anche il comandante Roberto Paoloni (difeso dall’avvocato Romano Raimondo). Il suo interrogatorio inizialmente era stato fissato per venerdì, ma è possibile che venga anticipato, su richiesta della difesa.

I primi punti fermi arriveranno con l’analisi della scatola nera, il cosiddetto Vdr (Voyage data recorder). I tecnici della polizia postale hanno tempo fino al 20 giugno per depositare la relazione tecnica che definirà i paletti più importanti di questa fase iniziale dell’indagine, incentrata soprattutto sulla manovra.

I dati emersi fino a questo momento hanno confermato che a bordo della portacontainer erano parecchie le cose che non funzionavano. In primis le apparecchiature che permettevano di comunicare tra la plancia e la sala comando (per questo gli ordini passavano attraverso telefoni e walkie talkie), e gli indicatori che segnalano direzione e attività del motore. Guasti che potrebbero aver giocato un ruolo determinante nella trasmissione dei comandi e dunque nella tragedia>>.


GENOVA: la banchina protettiva per la Torre dei piloti

http://www.cieliparalleli.com/Appunti-di-Cronaca/genova-la-banchina-protettiva-per-la-torre-dei-pilot.html

 

Ulteriori approfondimenti

Clip - Young monks play Tibetan horn at Tikse gompa

Clip - CORNI DELLE ALPI "WALSER ALPHORN" DI ORNAVASSO

 
 

 

 

 

Aggiungi commento