cossiga3

Un capitolo tratto dal libro “Il forziere dei papi – STORIA, VOLTI e MISTERI dello IOR di Aldo Maria Valli. Ancora Editrice S.p.A. Prima edizione digitale: aprile 2013:

Cronologia essenziale

1871, 13 maggio - Il parlamento italiano approva la legge delle Guarentigie che assicura al papa e al Vaticano un’ingente somma di denaro come indennizzo per la perdita dei territori pontifici e del potere temporale.

Papa Pio IX la definisce <<mostruoso prodotto della giurisprudenza rivoluzionaria>> e si rifiuta di accettare le disposizioni (NdE: erano proprio le sue stesse disposizioni per la creazione del comunismo ampliate in seguito da Giovanni XXIII) in essa contenute.

1887 11 febbraio - Allo scopo di accogliere e gestire le offerte dei fedeli, Leone XIII istituisce quella che può essere considerata l’antenata dello Ior: è la Commissione ad pias causas, più nota come Cop, Commissione per le opere pie,

1908, 29 giugno. – Pio X riforma la Cop (che già nel 1904 aveva cambiato il nome in Commissione cardinalizia per le opere di religione): nasce la Commissione prelatizia amministratrice per le opere di religione (in sigla, Cor).

1929, 11 febbraio - Benito Mussolini presidente del Consiglio italiano, e il segretario di Stato vaticano cardinale Pietro Gasparri, firmano i Patti lateranensi, che chiudono la <<questione romana>>, I Patti prevedono un concordato, che regola i rapporti tra Stato e Chiesa, e un trattato internazionale, (NdE: 1), in cui è riconosciuto il nuovo Stato della Città del Vaticano. Il Trattato ha un’appendice di natura economica, nel quale è stabilito l’obbligo per lo Stato italiano di versare nelle casse vaticane un ingente risarcimento per la fine del potere temporale.

1930 – 30 gennaio – Apre il suo primo ufficio in vaticano l’Amministrazione speciale per l’amministrazione delle opere di religione (detta per brevità <<La Speciale>>), cui Pio XI affida la gestione di una parte dell’indennizzo ricevuto dall’Italia, Alla sua guida fino al 1954 è Bernardino Nogara.

1942, 27 giugno Pio XII dà vita con un chirografo all’Istituto per le opere di religione (Ior), con personalità giuridica propria, che prende il posto dell’Amministrazione delle opere di religione, il nome con cui dal 1941 operava la Cor.

1967, 15 agosto – Paolo VI Promulga la costituzione apostolica Regimini Ecclesiae Universae, che ridisegna completamente l’organizzazione della Curia romana. Nasce l’Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica (Apsa), che raccoglie anche le funzioni dell’Amministrazione speciale della Santa Sede, ma non dello Ior che rimane autonomo.

1971, Il finanziere Michele Sindona, al centro di una fitta trama di accordi con istituti bancari e conoscenze influenti (dal governo americano (NdE: statunitense) alla mafia da Giulio Andreotti alla massoneria), presenta al vescovo Paul Marcinkus, presidente dello Ior nominato nel 1968 da Paolo VI, il direttore generale del Banco ambrosiano Roberto Calvi. Inizia una lunga trama di relazioni finanziarie illegali. Che si concluderà tragicamente con il ritrovamento del corpo di Calvi a Londra nel 1982 e la morte in carcere di Sindona nel 1986. Dopo il crack del Banco ambrosiano, Marcinkus, riuscirà a evitare, grazie al passaporto diplomatico vaticano, il mandato di cattura emesso il 20 febbraio 1987 dal giudice istruttore del Tribunale di Milano.

1988, 28 giugno – Giovanni Paolo II promulga la costituzione apostolica Pastor bonus, che riforma completamente la Curia romana e attribuisce a un consiglio di cardinali funzioni di controllo sullo Ior.

1990, 1 ° marzo - Giovanni Paolo II dà una nuova configurazione allo Ior – il cui presidente è da un anno Angelo Caloia con un chirografo che modifica le disposizioni dettate da Pio XII.

1993, 25 aprile – Donato De Bonis, già prelato dello Ior, viene consacrato vescovo e nominato assistente spirituale dell’Ordine di Malta. Con questo atto la Santa Sede solleva dall’incarico il responsabile del coinvolgimento dello Ior nelle vicende di Mani Pulite, in particolare il transito sui conti dell’Istituto della tangente Enimont.

2009, 23 settembre – Ettore Gotti Tedeschi viene nominato presidente dello Ior.

2010, 30 dicembre – Entra in vigore la nuova legge dello Stato della Città del Vaticano per la prevenzione e il contrasto del riciclaggio e dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo. Viene istituita l’Autorità di informazione finanziaria (Aif), con a capo il cardinale Attilio Nicora, che esercita il suo controllo anche sullo Ior (anche se, alla fine del gennaio 2012, la Segreteria di Stato emana una direttiva che in pratica limita fortemente i poteri ispettivi dell’Aif subordinandoli ai nulla osta della stessa Segretario di Stato.

2012, 24 maggio – Il consiglio di sovraintendenza dello Ior solleva dal suo incarico il presidente Gotti Tedeschi.

2013, 15 febbraio – La commissione cardinalizia nomina il nuovo presidente dello Ior, Ernst von Freyberg.

www.mondadoristore.itLibro in versione digitale:

Il forziere dei papi – STORIA, VOLTI e MISTERI dello IORdi Aldo Maria Valli. Ancora Editrice SpA,. Prima edizione digitale: aprile 2013

https://books.google.it/books?id=p2R7CgAAQBAJ&pg=PT179&lpg=PT179&dq=Commissione+Prelatizia+Amministratrice+delle+Opere+di+Religione&source=bl&ots=CJsGdcNB3K&sig=vHyfTydlAypcVCefVRcWjun4oJs&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiu2sKMu6vcAhXMDpoKHc_7ABUQ6AEISTAD#v=onepage&q=Commissione%20Prelatizia%20Amministratrice%20delle%20Opere%20di%20Religione&f=false

 

 

 

Nota dell'editrice Lorella Binaghi

1 - I trattati "internazionali" sono stipulati e imposti abusivamente da un club privato che è la "Cricca di Versailles" servente gli interessi esclusivi della banca francescana "Ior" (l'A.P.S.A., Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica)

The official opening of the League of Nations 15 November 1920 p

https://en.wikipedia.org/wiki/League_of_Nations#/media/File:No-nb_bldsa_5c006.jpg

In foto: un particolare sull'apertura ufficiale di "League of Nations", 15 novembre 1920 presso Salle de la Réformation a Ginevra. (...)

.

Add comment